Rhynocoris

foto di Luca Corradi

famiglia Reduvidi, ordine Emitteri

Questa cimice dall’aspetto aggressivo e poco rassicurante, non delude l’impressione suscitata da chi a prima vista la incontra. Si tratta infatti di un temibile predatore che trafigge le proprie prede (larve e adulti di svariati insetti) con il suo apparato boccale (a riposo ripiegato sotto il capo) costituito da una potente struttura pungente, detta “rostro”. La sua puntura è dolorosa anche per l’uomo, per cui si sconsiglia di prenderlo con le mani.
Il genere Rhynocoris è piuttosto caratteristico, con un’appariscente livrea a colori rosso e nero. Lo si può osservare sulle foglie e sui fiori di piante erbacee ed arbustive.
L’esemplare delle foto (scattate sul Monte Mesa, parte dell’anfiteatro morenico della zona di Rivoli) può appartenere a Rhynocoris iracundus o a Rhynocoris rubricus, due specie molto simili caratterizzate dalle emielitre (parte anteriore ispessita del primo paio di ali) uniformemente colorate di rosso e dal rostro parzialmente colorato di rosso, distinguibili tra loro solamente mediante l’osservazione delle strutture genitali.
Delle due specie Rhynocoris rubricus predilige gli ambienti caldi, e alle nostre latitudini è quindi principalmente legato alle cosiddette “oasi xerotermiche”, come sono le aree soleggiate esposte a meridione della fascia collinare e pedemontana della nostra provincia.

In questo sito potrai trovare informazioni utili per organizzare una vacanza o una escursione in una delle zone più belle d’Italia.

Paesaggi ricchi di storia e di interesse naturalistico si accompagnano ad una proposta enogastronomica e di accoglienza di primissima qualità.


Iniziativa realizzata con il contributo di
Regione del Veneto - Assessorato alle Politiche sociali, Volontariato e Non Profit
Fondazione Cariverona
Ser.i.t. srl
 

© 2021 - Colline Veronesi

Progetto promosso dall'Associazione di Promozione Sociale IL CARPINO | info@collineveronesi.it