Libellula depressa

foto di Chiara Lampo

famiglia Libellulidi, ordine Odonati

Specie dall’aspetto robusto e piuttosto caratteristica per l’addome molto allargato e di colore blu-azzurro (il torace invece è bruno scuro nel maschio e bruno-giallastro nella femmina). Può essere confusa con la simile Libellula fulva da cui tuttavia si può distinguere osservando la macchia scura alla base delle quattro ali che, in Libellula depressa, è molto sviluppata; inoltre l’addome di Libellula depressa è più largo e tozzo.
Nelle femmine la tipica colorazione blu dell’addome non compare subito, poiché dopo lo sfarfallamento è dapprima giallo e successivamente bruno-rossastro.
E’ una delle specie di libellule più comuni, grazie alla capacità che hanno le larve di vivere in pozze e in piccole raccolte d’acqua, anche temporanee (essendo in grado di sopravvivere per un certo tempo anche a periodi di disseccamento). Preferiscono acque calde e sono in grado di resistere in acque poco profonde e riscaldate dal sole. Non deve dunque meravigliare il fatto di trovare queste specie in zone collinari o montane, lontano da corsi d’acqua, laghi o stagni.
 

In questo sito potrai trovare informazioni utili per organizzare una vacanza o una escursione in una delle zone più belle d’Italia.

Paesaggi ricchi di storia e di interesse naturalistico si accompagnano ad una proposta enogastronomica e di accoglienza di primissima qualità.


Iniziativa realizzata con il contributo di
Regione del Veneto - Assessorato alle Politiche sociali, Volontariato e Non Profit
Fondazione Cariverona
Ser.i.t. srl
 

© 2022 - Colline Veronesi

Progetto promosso dall'Associazione di Promozione Sociale IL CARPINO | info@collineveronesi.it