Vespa cartonaia, Polistes

Foto di Remo de Togni

famiglia Vespidae, ordine Imenotteri

Il nome di “cartonaia” dato a queste vespe è dovuto al fatto che esse producono nidi di carta, anche se questa caratteristica è comune anche ad altre specie di vespe. Le vespe infatti, a differenza delle api, non possiedono ghiandole che producono cera con cui poter costruire gli alveari; raschiano invece il legno dagli alberi con le loro robuste mandibole e lo impastano con la saliva, ottenendo una sostanza del tutto simile alla nostra carta o cartone.
Il nido delle Polistes è piuttosto semplice, costituito da un solo livello di forma piana o leggermente curvo, attaccato a muri, alberi o rocce mediante un peduncolo. La colonie, di piccole dimensioni, sono annuali: si formano in primavera e si dissolvono con il sopraggiungere della stagione fredda.
Le Polistes si distinguono dagli altri generi di vespe sociali presenti nelle nostre zone per il colore giallo e nero del corpo (giallo e rosso ocra invece nel genere Vespa) e per la forma dell’addome, affusolato nella parte basale (squadrato invece in Vespula e Dolichovespula).

In questo sito potrai trovare informazioni utili per organizzare una vacanza o una escursione in una delle zone più belle d’Italia.

Paesaggi ricchi di storia e di interesse naturalistico si accompagnano ad una proposta enogastronomica e di accoglienza di primissima qualità.


Iniziativa realizzata con il contributo di
Regione del Veneto - Assessorato alle Politiche sociali, Volontariato e Non Profit
Fondazione Cariverona
Ser.i.t. srl
 

© 2022 - Colline Veronesi

Progetto promosso dall'Associazione di Promozione Sociale IL CARPINO | info@collineveronesi.it